Attenzione

Le foto che accompagnano le ricette sono scattate da me e servono ad illustrare passaggi e risultato. Leggere le notizie riportate sul DISCLAIMER nel caso le voleste utilizzare. Grazie!

lunedì 12 giugno 2017

Moussakà


La ricetta mi è stata gentilmente concessa da Lucia titolare del gruppo fb Ricette senza glutine per tutti, da tutti, creato da Donna Lucia, con origini greche da parte di madre. Non so se questa ricetta si discosta dall'originale ma vi posso assicurare che è buonissima. Inoltre, da buona amante delle patate, utilizzo queste ultime tagliate ad uno spessore più grande e rifinisco lo strato finale, a base di besciamella, con del pane grattugiato (per me senza glutine) per creare la crosticina superiore. 

Ingredienti per una teglia del diametro di 24 cm:

3 patate grandi
4 melanzane grandi (io ho utilizzato le viola)
ragù di carne 
salsa bechamel
sale
pepe
olio di semi di girasole
spezie
Pangrattato (facoltativo)

Pelare e tagliare a fettine, dello spessore di circa 5 mm, le patate. Friggerle in abbondante olio di semi e far scolare su carta assorbente. Tenere da parte. Nel frattempo sbucciare e tagliare a fettine le melanzane. Metterle a scolare in uno scolapasta spolverandole di sale, per perdere l'amaro. Dopo una mezz'ora scolarle strizzandole un poco. Friggerle in olio bollente e metterle a perdere l'unto su della carta assorbente. Intanto avrete preparato un ragù di carne ben speziato aggiungendo al normale ragù spezie come maggiorana, dragoncello, alloro e chiodi di garofano (per il ragù, se si ha a disposizione, utilizzare lo scalogno al posto della cipolla). 
Ungere una teglia con del burro o della margarina. Sporcare la base con un poco di ragù e posizionare le patate fritte.



Sulla base di patate, posizionare lo strato di melanzane fritte e poi il ragù. 



Ora aggiungete un altro strato di melanzane.
Rifinite con un alto strato di crema bechamel. Prima di infornare io ho aggiunto una spolverata di pane grattugiato.



Cuocere in forno per una quarantina di minuti a circa 200°. Far colorire un poco la superficie.



Consumare il moussaka caldo.

Ragù di carne


Ragù è il termine utilizzato per indicare un sugo a base di carne macinata. Tutti noi lo conosciamo fin da bambini, perché sempre preparato dalle nostre mamme. E' di lenta cottura ma c'è anche chi non disdegna una cottura veloce. Ne risente un poco il sapore finale ma, in mancanza di tempo, non si può fare altrimenti. Ne esistono varie versioni e le più conosciute sono quello Genovese, con aggiunta di pancetta e quello Napoletano dove la carne è tagliata a pezzi piuttosto grandi. Io propongo il ragù preparato dalle mie nonne e da mia madre. Lei però, Umbra di origini, aggiungeva delle rigaglie di pollo. Io non le utilizzo, perché non sono di mio gradimento. Pietanza che ha accompagnato la mia crescita.

Ingredienti per 4 persone:
400 g di carne macinata di manzo
100 g fra sedano carota e cipolla
1000 g di pomodori pelati e frullati
1/2 bicchiere di vino bianco
sale
pepe
olio evo

Pulire e tagliare finemente le verdure per soffritto (in alternativa utilizzare del soffritto a cubetti precedentemente preparato e surgelato) e mettere a soffriggere con un filo di olio evo.
Aggiungere la carne macinata e far cuocere qualche minuto, mescolando spesso. Aggiustare di sale e pepe. Aggiungere il vino bianco e far sfumare. A questo punto, unire i pomodori e lasciare cuocere il sugo, a fiamma bassa, per qualche ora. Il risultato dovrà essere piuttosto asciutto. Regolare di sale e pepe, se necessario.
Ottimo sugo per lasagne, fettuccine e pasta in generale.
Conservare in frigorifero per 3-4 giorni in un recipiente ben chiuso. Può essere congelato ed utilizzato all'occorrenza previo scongelamento.

lunedì 27 marzo 2017

Cheesecake marmorizzata alle fragole


La cheesecake è una torta fredda composta da uno strato di crema ai formaggi poggiato su uno di biscotti, Pan di Spagna o pasta frolla.
Per la crema si usano formaggi freschi e molli tipo formaggi da spalmare, yogurt, mascarpone, ricotta o Philadelphia anche se io non amo il gusto di quest'ultima e dei formaggi da spalmare nelle preparazioni dolci.
Spesso è accompagnata da rifiniture a base di frutta fresca, candita, secca o creme varie compreso il cioccolato.
Può essere cotta o cruda e ne esistono diverse varianti. Questa volta l'ho preparata con ricotta delattosata, mascarpone senza lattosio,  panna vegetale e topping alle fragole.

Ingredienti per una cheesecake del diametro di 22 cm:
per la base biscotto
200 gr di biscotti secchi (per me Petit Schar)
110 gr di burro (per me senza lattosio)

Per la crema
200 g di ricotta
250 g di mascarpone
3 cucchiai di zucchero
150 g di panna vegetale
12 g di gelatina (colla di pesce)
Topping o marmellata o coulis di fragole

Decoro e rifinitura
fragole mature
15 g di gelatina (colla di pesce)
zucchero
limone

Mettere ad ammorbidire in acqua fredda i 12 g di gelatina. Sbriciolare i biscotti. Fondere il burro a bagnomaria o nel microonde. Unire il tutto ed amalgamare bene.


Utilizzare il composto per ricoprire la base di una teglia con cerchio apribile del diametro di 22/24 cm. Compattare bene con l'aiuto di un batticarne o in mancanza di questo potete utilizzare la base di un bicchiere. Porre in frigo a raffreddare


Preparare il composto ammorbidendo bene la ricotta con l'aiuto di una forchetta. Aggiungere il mascarpone e lo zucchero. Montare la panna tenendone da parte cinque cucchiai.
Scolare e strizzare la gelatina ormai ammorbidita ed aggiungerla in un pentolino, ai cinque cucchiai di panna che intanto avremo fatto scaldare senza far bollire.
Aggiungere al composto e versare sulla base di biscotto.
Con del topping alle fragole o marmellata di fragole o coulis di fragole, formare dei cerchi.


Con i rebbi di una forchetta far penetrare all'interno il topping, con movimenti rotatori dal basso verso l'alto.


Livellare e riporre in frigo mentre prepariamo la copertura.
Mettere in ammollo in acqua i 15 g di gelatina. Mondare e tagliare le fragole.


Renderle poltiglia con un frullatore ad immersione (o altro frullatore) e passarle nel colino per dividere il succo dai semi. Aggiungere il limone e zuccherare a piacere.

                                   
Prendere tre/quattro cucchiai del succo ottenuto e mettere a scaldare in un pentolino. Aggiungere i 15 g di gelatina ben strizzata e far sciogliere. Unire al resto del succo. Versare sulla cheesecake e riporre nuovamente in frigorifero. E' preferibile preparare la cheesecake con un giorno di anticipo per far rassodare bene tutti gli ingredienti.

lunedì 6 marzo 2017

Mini strudel di mela, cioccolato e cannella


Capitano ospiti all'ultimo momento e non sapete cosa preparare per dolce? Questi mini strudel sono facilissimi e velocissimi da preparare. Basta avere a portata di mano qualche ingrediente che è facile trovare in cucina. Li ho preparati con una sfoglia già pronta quindi sono stata velocissima.

Ingredienti per 10 strudel:

Una confezione si pasta sfoglia
3 mele
4 cucchiai di zucchero (per me di canna)
gocce di cioccolato (o cioccolato da grattugiare)
cannella in polvere
2 cucchiai di uva sultanina
frutta secca a proprio gusto
succo di limone


Pulire e tagliare a piccoli dadini le mele. Posizionare in un piatto ed aggiungere qualche goccia di succo di limone per evitare che anneriscano. Aggiungere lo zucchero, un poco di gocce di cioccolato, l'uva sultanina, della frutta secca a vostro gusto e tritata. Infine aggiungere della cannella in polvere (io ho aggiunto anche tre/quattro cucchiai di panna vegetale) ed amalgamare bene il tutto. Stendere la sfoglia e ricavarne dei cerchi da posizionare in dei pirrottini.


Se si utilizza la teglia per i muffin foderare le varie formine con la carta nella quale è arrotolata la sfoglia stessa. Inserire il disco di sfoglia.


Versare all'interno le mele condite. Se avanza della sfoglia ricoprite i mini strudel e bagnate con del latte prima di infornare.
Cuocere in forno a 200° fino a quando saranno diventati di colore bruno. Spolverare di zucchero a velo prima di servire.

Ganache al cioccolato fondente


E' una crema facile da preparare a base di panna e cioccolato con l'aggiunta di una piccola quantità di burro. Viene utilizzata per farcire o guarnire torte. Può essere consumata semplicemente o montata con delle fruste. Ottima per la stuccatura di torte da ricoprire in pasta di zucchero perchè una volta raffreddata in frigo tende ad indurire. La ricetta è ottima per copertura una volta lavorata con le fruste. Per renderla meno densa diminuire la quantità di cioccolato (porto da 430 g a 400 g il cioccolato fondente). Utilizzo cioccolato fondente al 55% senza glutine.

Ingredienti:
430 g di cioccolato fondente
250 g di panna vegetale
40 g di burro (per me s/l)

Tritare il cioccolato e versare in un recipiente capiente.


Mettere a scaldare la panna e quando sfiorerà il bollore, versare lentamente sul cioccolato. Amalgamare fino a completo scioglimento del cioccolato stesso.
Aggiungere il burro a pomata e continuare a mescolare.
La ganache così ottenuta, può essere utilizzata come una crema da dessert o per farcire torte. Per la copertura, la utilizzo dopo averla frullata per un paio di minuti con le fruste del frullatore.

domenica 5 febbraio 2017

Polpette con patate


Secondo piatto veloce e gustoso. Gradito sicuramente ai più piccoli.

Ingredienti per 2 persone:

300 g di macinato di bovino adulto
4 patate medie
un rametto di rosmarino
Prezzemolo tritato
sale
pepe
olio evo
1 spicchio di aglio
noce moscata

Pulire, spellare e tagliare a fettine dello spessore di circa 5 mm le patate. Mettere a cuocere con olio evo, uno spicchio di aglio e il rametto di rosmarino. Portare fino a metà cottura poi salare e pepare.


Nel frattempo aggiungere una grattugiata di noce moscata, il prezzemolo, il sale ed il pepe al macinato. Mischiare bene e formare le polpettine. Far rosolare in padella, con olio evo, per qualche minuto. Di solito buttano fuori un poco di acqua. Gettarla via.


Unire le polpettine alle patate e ultimare la cottura. Servire calde.

Mezzi paccheri al Lardo di Colonnata, ciliegino, rucola e pecorino


Il Lardo di Colonnata è un salume ad indicazione geografica protetta (IGP), tipico delle Alpi Apuane, nel comune di Carrara. Viene prodotto con lardo di suino stagionato in conche di marmo di Carrara. Le conche, strofinate con aglio, hanno una particolare temperatura ed umidità. Le vasche riempite di falde di suino alternate ad aromi come pepe, cannella, salvia, rosmarino, coriandolo e chiodi di garofano, vengono chiuse, controllate periodicamente e riaperte dopo i 6-10 mesi di stagionatura. Il suo utilizzo ideale è al naturale ma può essere utilizzato in molte ricette.
Dopo aver provato questo piatto ho cercato di riproporlo in casa e devo dire che, l'abbinamento del Lardo di Colonnata con la rucola, i pomodorini ed il pecorino, è perfetto.

Ingredienti per 4 persone:

320 g di mezzi paccheri
100 g di Lardo di Colonnata
pecorino grattugiato
una decina di pomodorini ciliegino
un mazzetto di rucola
1 spicchio di aglio
olio evo
sale e pepe

Mettere a scaldare l'acqua per cuocere la pasta. Nel frattempo tagliare a fiammifero il Lardo di colonnata. Far rosolare lo spicchio di aglio in poco olio evo in una padella capiente. Quando l'olio sarà insaporito, togliere l'aglio ed aggiungere il lardo. Far cuocere qualche minuto. Aggiungere i pomodorini ciliegini tagliati a spicchi. Aggiustare di sale e pepe. Se il sughetto si dovesse asciugare troppo, aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.
Intanto cuocere al dente la pasta nell'acqua salata.
Pulire e tagliare la rucola.
Scolare la pasta e versarla direttamente nella padella di cottura del sugo. Aggiungere la rucola e spegnere il fornello del gas. Spolverare di pecorino grattugiato prima di impiattare. Servire ben calda.

lunedì 16 gennaio 2017

Pasta con la zucca al ragù bianco


La zucca gialla o dolce è una pianta annuale. Si semina tra aprile e maggio e si raccoglie in autunno. Può essere conservata per tutto l'inverno ed è estremamente versatile in cucina. Questa volta ho provato a prepararla accompagnata da un ragù di carne in bianco.

Ingredienti per 4 persone:
320 g di pasta formato corto
400 g di zucca gialla pulita
300 g di macinato di bovino
una salsiccia
un piccolo cipollotto
olio evo
vino bianco
sale
pepe
peperoncino
parmigiano a julienne

Far imbiondire, in una padella capiente, il cipollotto tagliato finemente in qualche cucchiaio di olio evo.
Aggiungere il macinato e la salsiccia sminuzzata.


Far cuocere una decina di minuti. Spruzzare di vino bianco e lasciare evaporare completamente a fiamma vivace. Mettere a bollire l'acqua per cuocere la pasta.
Aggiungere la zucca tagliata a dadini. Far cuocere una ventina di minuti senza far asciugare troppo. Se necessario aggiungere un poco di acqua di cottura della pasta. Aggiustare di sale, pepe e spolverare di peperoncino.


Nel frattempo cuocere al dente la pasta in acqua salata. Scolare e versare direttamente nella padella di cottura del sugo. Mantecare bene e servire la pasta spolverata di parmigiano tagliato alla julienne.

domenica 15 gennaio 2017

Crema pasticcera al latte di riso



Ormai sono da ricovero in manicomio. In casa abbiamo: celiachia, intolleranza al lattosio, intolleranza al latte vaccino anche se senza lattosio. Niente pomodoro per uno, niente uovo per l'altro, niente lievito... Però alla fine, a tavola, devi accontentare tutti. E così sperimentiamo. Ho sostituito il latte vaccino senza lattosio che utilizzo di solito, con il latte di riso. Ho aggiustato di poco la vecchia ricetta della crema pasticcera perché in effetti, il latte di riso è leggermente più dolciastro. Utilizzando dell'amido di mais garantito, la crema pasticcera è anche senza glutine.

Ingredienti:

4 uova
80 g di zucchero
40 g di amido di mais
500 ml di latte di riso
la scorza di 1 limone

Procedimento:
In una pentola di acciaio (mi raccomando non utilizzare le antiaderenti) mettere i tuorli delle uova a temperatura ambiente


pesare lo zucchero e unirne la metà alle uova aggiungere l'amido al restante zucchero e miscelare.
Lavorare in senso rotatorio, con l'aiuto di una spatola di legno, le uova con lo zucchero fino a che non diventino spumose.
Unire l'amido miscelato allo zucchero, un cucchiaio per volta, alle uova continuando a lavorare.


Continuare a inserire al composto l'amido miscelato allo zucchero lavorare in senso rotatorio fino a che non diventi una crema.


Aggiungere gradatamente il latte, sempre a temperatura ambiente, al composto.


Aggiungere la scorza di limone intera e mettere sul fuoco a fiamma media, continuando a girare (sempre nello stesso senso) fino a che non inizi a fumare. Abbassare la fiamma e far cuocere fino a che non diventi una crema liscia e lucida. Far raffreddare avendo l'accortezza di girarla ogni tanto per evitare che si formi la pellicola superiore (per abbattere in poco tempo la temperatura della crema, riempire di acqua fredda la vasca del lavandino ed immergervi la pentola)


la crema è ora pronta all'utilizzo.

domenica 1 gennaio 2017

Seppie con piselli


Le seppie con piselli possono essere preparate sia al sugo che in bianco. Si aggiungono al preparato di seppie e piselli dei pomodori pelati e spezzettati oppure qualche cucchiaiata di passata di pomodoro. I piselli da utilizzare possono essere freschi sgranati, surgelati o in scatola precotti, anche se io preferisco utilizzare quelli freschi o surgelati.

Ingredienti per 4 persone:
1 kg di seppie
600 g di piselli
pomodori pelati
cipolla
sale
prezzemolo
olio evo
vino bianco

Spellare le seppie. Togliere l'osso interno, il becco e la vescica contenente l'inchiostro. Sciacquare bene sotto acqua corrente e tagliare a pezzi.
Posizionare in un tegame la cipolla tritata, il prezzemolo e l'olio lasciando imbiondire. Unire le seppie, salare, pepare e sfumare con il vino bianco. Lasciare cuocere fino a quando la seppia sarà ammorbidita. Aggiungere un poco di acqua se necessario.
A questo punto aggiungere il pomodoro. Dovrà soltanto colorare un poco il sughetto.
Aggiungere i piselli.


Lasciate cuocere per un'altra mezz'ora a fuoco dolce. Aggiustare di sale e pepe e se gradito aggiungere del peperoncino.
Servire ben caldo