Attenzione

Le foto che accompagnano le ricette sono scattate da me e servono ad illustrare passaggi e risultato. Leggere le notizie riportate sul DISCLAIMER nel caso le voleste utilizzare. Grazie!

sabato 31 ottobre 2015

Lasagna gluten free (Sagna o Timballo)



Le lasagne al forno sono costituite da più sfoglie di pasta alternate ad un condimento, che varia da regione a regione. Nei paesi del Cicolano prende il nome di "Timballo" ed è estremamente ricca di ingredienti. All'interno può essere messo di tutto.
Quella che vi propongo oggi è nella versione senza glutine.

Ingredienti per 2 persone:

250 g di pasta sfoglia (per me Schar)
300 g di macinato di manzo
1 carota
1 cipolla e 1/2
1 costa di sedano
500 g di pomodori pelati
200 g di piselli (freschi o surgelati)
2 uova
250 g di mozzarella
Salsa besciamella
250 g di funghi
Burro
olio evo
prezzemolo
1 spicchio di aglio
2 manciate di parmigiano grattugiato

Faccio cuocere circa 100 g di macinato in una pentola con olio evo ed aggiungo: mezza carota pulita e tagliata a pezzi, mezza cipolla e metà della costa di sedano. Dopo qualche minuto aggiungo i pomodori pelati passati al passaverdure e lascio rapprendere il sugo per un'oretta. Aggiusto di sale e pepe.
Il resto del macinato lo cuocio in un'altra pentola sempre con l'aggiunta di olio evo, dell'altra metà della carota, della cipolla e della costa di sedano. Salare e pepare.
Faccio bollire le uova per 7 minuti. Lascio che si raffreddino poi le sbuccio e le taglio a dadini. Cuocio i piselli con cipolla e olio evo. Anche questi andranno salati prima della fine della cottura.
Pulisco e taglio a fettine i funghi. Li cuocio con un filo di olio uno spicchio d'aglio e del prezzemolo.
Taglio a dadini la mozzarella.
Unisco nello stesso piatto capiente il macinato, le uova, i piselli e i funghi.
Manteco il tutto aggiungendo il parmigiano e la salsa besciamella.
Conservo in frigo fino al momento di preparare la lasagna.
Quando tutto è pronto metto a bollire dell'acqua salata in una capiente pentola. Aggiungo un filo di olio. Preparo un piatto capiente con dell'acqua fredda. Posiziono un canovaccio pulito sul piano i lavoro.
Ungo di burro la base ed i lati della teglia che utilizzeremo per cuocere la lasagna.
Metto del sugo sulla base.


Cuocio per qualche minuto la pasta nell'acqua bollente salata. La scolo e la immergo nell'acqua fredda. La prelevo dall'acqua fredda e la posiziono sul canovaccio.
A questo punto fodero base e lati con le sfoglie. Ricopro di sugo al pomodoro e metto qualche pezzetto di burro.


Aggiungo il preparato e ricopro di pasta.


Metto un nuovo strato di preparato e poi uno di pasta e continuo ad alternare preparato e pasta. Ogni paio di strati aggiungo i pezzettini di burro.


Termino con lo strato di pasta. Ricopro di sugo e qualche fiocco di butto. La lasagna è ora pronta per essere infornata.
Inforno a 200° fino a quando bucandola con i rebbi di una forchetta la pasta risulti molto morbida e la superficie sia ben colorita.
Se durante la cottura vi accorgete che si sta bruciando troppo, copritela con un foglio di alluminio.


Pasta ricotta e pepe


Davvero un primo veloce, ottimo malgrado i pochissimi ingredienti. Io la preparo con ricotta di pecora perché prodotta in famiglia ma può benissimo essere sostituita con ricotta vaccina.
Se si amano sapori più incisivi si può optare per della ricotta di bufala.

Ingredienti per 4 persone:

350 g di pasta tipo spaghetti
200-250 g di ricotta
pepe nero macinato
sale

Portare a bollore abbondante acqua salata per cuocere la pasta. Versare gli spaghetti e cuocere al dente.
Nel frattempo schiacciare, con l'aiuto di una forchetta, la ricotta in un piatto. Aggiungere il pepe e l'acqua di cottura della pasta fino a che diventi una crema morbida.


Scolare gli spaghetti e condirli con questa crema. Se si gradisce si può aggiungere una manciata di parmigiano grattugiato.

Spaghetti con la borragine


La borragine (borago officinalis) è una pianta erbacea con foglie ovali ellittiche, picciolate, che presentano una ruvida peluria. Le foglie giovani sono variamente impiegate in cucina. Vengono utilizzate cotte in molti piatti regionali. La cottura elimina la peluria che le ricopre.
Oggi prepariamo un ottimo primo piatto.

Ingredienti per 4 persone:

350 g di pasta tipo spaghetti
una manciata di borragine
pomodori maturi (o salsa, o pelati)
2 spicchi di aglio
olio evo
sale
pepe
peperoncino

Prepariamo prima di tutto un sugo di pomodoro. Facciamo soffriggere qualche minuto l'aglio in poco olio evo. Aggiungiamo il pomodoro lavato, spellato e tagliato a pezzi. Lasciamo cuocere una ventina di minuti a fuoco vivace. Aggiustare di sale e pepe. Aggiungere poco peperoncino. Nel frattempo faremo bollire abbondante acqua salata e verseremo all'interno gli spaghetti. Aggiungiamo la borragine ben lavata e pulita.


Facciamo cuocere gli spaghetti al dente e scoliamo il tutto.


Condiamo con il sugo preparato e serviamo ben caldi.

giovedì 29 ottobre 2015

Petto di pollo, peperoni ed olive



Basta veramente poco per preparare una portata dal sapore originale. Per un secondo dell'ultimo momento o come piatto unico per un pranzo veloce.

Ingredienti per 4 persone:

4 fette di petto di pollo da 120 g
3 peperoni
olive nere
farina (per me Universale Schar)
olio evo
sale
pepe

Lavare e tagliare a fettine i peperoni. Farli cuocere in una padella con olio evo. Salare e pepare. Aggiungere una manciata di olive tagliate a pezzetti.
Quando i peperoni saranno quasi cotti, lavare, asciugare ed infarinare i petti di pollo.



Aggiungerli ai peperoni e far cuocere una decina di minuti girandoli spesso. Servire ben caldi.
E' un piatto veloce e di sicuro effetto.

Minestra di ceci con gnocchetti


L'autunno è la stagione in cui inizio nuovamente a preparare le minestre. Sono un'ottima alternativa a pasti di più portate perché ricche di gusto, economiche e digeribili. Racchiudono in una sola portata più pietanze se alla pasta o riso, aggiungiamo carni, pesci, verdure o legumi.
Quando preparo la minestra con i ceci molto spesso la accompagno con degli gnocchetti di acqua e farina preparati al momento.

Ingredienti per 3/4 persone:

150 g di ceci secchi (una confezione se in scatola)
un rametto di rosmarino
uno spicchio di aglio
olio evo
200 g di farina
sale
pepe
dado (facoltativo)

Sciacquare i ceci e metterli a bagno in acqua fredda per una giornata. Scolare l'acqua e metterli a bollire in abbondante acqua fredda fino a che saranno ben cotti (circa 3 ore ma per accorciare i tempi si può utilizzare la pentola a pressione o in alternativa quelli già pronti in scatola). Salarli qualche minuto prima di spegnere la fiamma.
In una capiente pentola far soffriggere lo spicchio di aglio con il rosmarino. Aggiungere metà dei ceci e far insaporire qualche minuto.


A questo punto aggiungiamo poca acqua e con il frullatore ad immersione frulliamo il tutto. Uniamo, ora, l'altra metà dei ceci. Far cuocere una mezz'ora. Versiamo circa 2 litri di acqua e facciamo cuocere per circa un'ora a fuoco medio. Aggiustare di sale e pepe (aggiungere il dado).
Nel frattempo prepariamo gli gnocchetti.
Mettiamo la farina a fontana e versiamo all'interno dell'acqua (circa 100 ml) e lavoriamo con le mani fino a formare un panetto di pasta morbido.
Formiamo dei cordoncini di pasta del dimetro di circa 8 mm. Ne avviciniamo tra loro 5/6 e con il coltello ricaviamo degli gnocchetti lunghi circa 1 cm.


Passiamoli nella farina e teniamoli da parte fino al momento della loro cottura.


Tuffarli nella minestra e farli cuocere qualche minuto. Tenderanno a venire a galla. Impiattare e servire ben caldi.

Carpaccio di bresaola con rucola e scaglie di parmigiano




Per carpaccio si intende una pietanza di carne cruda tagliata a fettine sottilissime e condita in vari modi (con olio, maionese, limone scaglie di tartufo, di parmigiano, ecc.).
Oggi a pranzo mi sono preparata un carpaccio di bresaola accompagnato con della rughetta appena raccolta nel mio orticello.

Ingredienti per due persone:
1 etto di bresaola a fette
un'abbondante manciata di rughetta
scaglie di parmigiano
sale
pepe
succo di limone
olio evo

Disporre nel piatto da portata la bresaola. Condire con un filo di olio e del succo di limone (io faccio macerare in frigo una mezz'ora prima di servire). Cospargere di rughetta, salare e pepare. Aggiungere ancora un filo d'olio e delle scaglie di parmigiano.


mercoledì 28 ottobre 2015

Tutorial calle in pasta di zucchero



Occorrente:
Pasta di zucchero di colore bianco, giallo e verde (pdz)
zucchero semolato
stampino a forma di cuore
tool
bisturi

Con la pasta di zucchero gialla ricavare un piccolo cordoncino


Passarlo nello zucchero


Spianare un piccolo pezzo di pdz bianca e ritagliarla con uno stampino a forma di cuore


Posizionare all'interno il bastoncino giallo precedentemente passato nello zucchero ed arrotolare su se stessa la pdz bianca


Far asciugare qualche ora (utilizzare della pellicola trasparente per mantenere "in forma" i fiori).


Stendere poca pdz di colore verde


ed arrotolarla sulla base della calla.


Con altra pdz di colore verde formare un cordoncino più lungo di quello giallo preparato prima e, con l'aiuto di un piccolo mattarello, assottigliarlo ad una estremità.


Con un leaf shaping tool (sostituibile con uno stecchino facendo attenzione alla forza impressa sulla pdz) disegnare li righe tipiche della foglia


Con un bisturi ritagliare


Aiutatevi con i polpastrelli per dare alla foglia motilità


cercando di renderla più simile possibile alla realtà


Iniziare l'assemblaggio posizionando la foglia sul piano di lavoro ed adagiandovi sopra le calle preparate


Preparare altri cordoncini di pdz verde per formare i gambi delle calle


Coprire a camuffare le attaccature delle calle e gambi sulla foglia con altre foglie


Aiutandovi, sempre con della pellicola trasparente, mettete "in forma" e lasciate asciugare


Utilizzate nelle vostre  creazioni


Purea di patate


E' un contorno facile nella sua realizzazione. Può accompagnare molti piatti ed è una delle colonne portanti della tradizione italiana. Ottimo con i secondi a base di carni e pesce. E' preferibile utilizzare patate un poco "vecchie" perché più farinose.

Ingredienti per 4 persone:
1 kg di patate
300 ml di latte
80 g di burro
Parmigiano grattugiato
noce moscata
sale

Lavare accuratamente le patate con la buccia. Metterle in acqua fredda salata e portarle a bollore.
Far cuocere per circa 40 minuti (controllate la cottura utilizzando uno stecchino). Quando saranno cotte scolarle e sbucciarle. Inserirle nello schiacciapatate e posizionarle all'interno di una pentola di acciaio.


Aggiungere il latte, il burro, il parmigiano e la noce moscata. Porre sul fornello del gas e far rapprendere per circa 10 minuti mescolando in continuazione per evitare che si attacchi al fondo. Aggiustare di sale se necessario e servire ben caldo.

Crostata di mele gluten free


La crostata di mele è un classico della pasticceria e va provato almeno una volta nella vita. E' una ricetta facile da seguire e ve la propongo nella versione senza glutine. Controllate bene che gli ingredienti per la preparazione siano idonei.


Ingredienti per la crema:
4 uova
100 g di zucchero
50 g di maizena (in mancanza si può sostituire con farina per dolci)
500 ml di latte
la scorza di un limone

Ingredienti per la base:
5 uova
100 g di burro fuso intiepidito (o margarina vegetale)
4 cucchiai colmi di zucchero
1/2 bustina di lievito per dolci
la scorza grattugiata di un limone
250 g farina (per me Mix Universale Schar)
200 g di farina di riso
Inoltre:
due/tre mele 
Zucchero a velo
Succo di limone
cannella in polvere


Prepariamo prima di tutto la crema.
In una pentola di acciaio (mi raccomando non utilizzare le antiaderenti) mettere i tuorli delle uova a temperatura ambiente.

Pesare lo zucchero e unirne la metà alle uova aggiungere la farina al restante zucchero e miscelare. 
Lavorare in senso rotatorio, con l'aiuto di una spatola di legno, le uova con lo zucchero fino a che non diventino spumose.

Unire la farina miscelata allo zucchero, un cucchiaio per volta, alle uova. Lavorare in senso rotatorio fino a che non diventi una crema densa. 
Aggiungere gradatamente il latte, sempre a temperatura ambiente, al composto.
Aggiungere la scorza di limone e mettere sul fuoco a fiamma media, continuando a girare (sempre nello stesso senso) fino a che non inizi a fumare. Abbassare la fiamma e far cuocere fino a che non diventi una crema liscia e lucida. Far raffreddare avendo l'accortezza di girarla ogni tanto per evitare che si formi la pellicola superiore.


Mentre aspettiamo che la crema si raffreddi prepariamo la base.
Mettere la farina a fontana nel boccale della planetaria. Versare all'interno lo zucchero e le uova e mischiare il tutto con l'aiuto di una forchetta.
Versare il burro fuso, la scorza di limone ed il lievito.
Lavorare con la frusta a k per qualche minuto.
Prelevare una parte di composto con le mani infarinate.



Stendere nella teglia avendo cura di foderare anche il bordo. Ricoprire con la crema. 
Pulire, sbucciare ed affettare le mele. Cospargerle di succo di limone per evitare che diventino scure. Decorare la superficie della torta con le mele e spolverare di cannella.



Infornare a 180° per circa 30 minuti o comunque fino a quando la pasta prende un colore leggermente ambrato.
Far raffreddare su di una gratella e spolverare di zucchero a velo prima di servire.

Crostata di mele


La crostata di mele è un dolce che va provato almeno una volta nella vita. Ve ne innamorerete sicuramente e lo riproporrete spesso. Il suo profumo invitante riempirà la vostra casa durante la cottura. Inoltre è una ricetta facile e veloce.

Ingredienti per la crema:
4 uova
100 g di zucchero
50 g di maizena (in mancanza si può sostituire con farina per dolci)
500 ml di latte
la scorza di un limone

Ingredienti per la base:
3 uova
100 g di burro (o margarina vegetale)
4 cucchiai colmi di zucchero
2 cucchiaini da tè di lievito per dolci
la scorza grattugiata di un limone
farina quanto basta

Inoltre:
due/tre mele 
Zucchero a velo
Succo di limone
cannella in polvere


Prepariamo prima di tutto la crema.
In una pentola di acciaio (mi raccomando non utilizzare le antiaderenti) mettere i tuorli delle uova a temperatura ambiente.

Pesare lo zucchero e unirne la metà alle uova aggiungere la farina al restante zucchero e miscelare. 
Lavorare in senso rotatorio, con l'aiuto di una spatola di legno, le uova con lo zucchero fino a che non diventino spumose.

Unire la farina miscelata allo zucchero, un cucchiaio per volta, alle uova. Lavorare in senso rotatorio fino a che non diventi una crema densa. 
Aggiungere gradatamente il latte, sempre a temperatura ambiente, al composto.
Aggiungere la scorza di limone e mettere sul fuoco a fiamma media, continuando a girare (sempre nello stesso senso) fino a che non inizi a fumare. Abbassare la fiamma e far cuocere fino a che non diventi una crema liscia e lucida. Far raffreddare avendo l'accortezza di girarla ogni tanto per evitare che si formi la pellicola superiore.


Mentre aspettiamo che la crema si raffreddi prepariamo la base.
Mettere la farina a fontana, versare all'interno lo zucchero e le uova e mischiare il tutto con l'aiuto di una forchetta.
Versare il burro fuso, la scorza di limone ed il lievito. Lavorare ancora un poco con la forchetta e poi con le mani. Aggiungere la farina necessaria ad ottenere un panetto molto morbido al tatto. Deve tendere ad allargarsi se lo si lascia fermo sulla spianatoia. La pasta deve sempre tendere ad appiccicarsi alle mani, infatti per stenderla nella teglia, dovete ripetutamente sporcarvi i polpastrelli di farina. 



Stendere nella teglia avendo cura di foderare anche il bordo. Ricoprire con la crema. 
Pulire, sbucciare ed affettare le mele. Cospargerle di succo di limone per evitare che diventino scure. Decorare la superficie della torta con le mele e spolverare di cannella.



Infornare a 180° per circa 30 minuti o comunque fino a quando la pasta prende un colore leggermente ambrato.
Far raffreddare su di una gratella e spolverare di zucchero a velo prima di servire.

Pancakes


Anche se ne esistono molte varianti, i Pancakes sono le tipiche frittelle per la colazione dell'America del Nord. Sono simili alle crepes ma molto più spesse. Generalmente sono dolci accompagnate da sciroppi, confetture o miele. Anche se io non disdegno una spolverata di zucchero a velo.

Ingredienti per 4 persone:

150 g di farina
80 g di fecola di patate
50 g di burro
300 ml di latte
2 uova
1/2 bustina di lievito
1 cucchiaio di zucchero
1 pizzico di sale

Dividere gli albumi dai tuorli. Montare i tuorli con lo zucchero. Aggiungere il latte, il burro fuso intiepidito, il lievito, le farine ed il sale. Aggiungere l'albume leggermente montato a neve.


Versare un piccolo mestolo di composto in un pentolino antiaderente unto con una piccola noce di burro. Far cuocere da ambo i lati a fiamma bassa. Nel caso si volessero aggiungere delle gocce di cioccolato, farlo prima che il pancake si asciughi troppo sulla superficie, prima di girarlo.


Impilare i pancakes uno sopra l'altro e decorare a piacere.

martedì 27 ottobre 2015

Naked cake con rose in pasta di zucchero



La Naked cake (così come dice il nome) è una "torta nuda" che mette in risalto proprio la base di Pan di Spagna (o altre) e la farcitura che la compone. E' un'alternativa per tutte quelle persone che non amano le coperture troppo elaborate come la Pasta di Zucchero, le varie Glasse a Specchio o altro.
Anche se la preparazione è molto più rapida perché non richiede il tempo che si dedica alla copertura, non vuol dire che sia più semplice anzi, a volte, è esattamente il contrario.
Ci sono delle regole di base per la realizzazione di una buona naked cake.
Bisogna fare attenzione a tagliare gli strati tutti dello stesso spessore. Deve rispettare un'armonia di colore senza fare in modo che la naked diventi un groviglio di colori.
E' importante che siano "alte", non importa la larghezza ma l'altezza si.
Importantissimo poi è il "cake topper". Va posizionato nella parte più alta della torta e serve a rifinire e decorare la vostra naked. Inoltre un topper adatto aumenta l'altezza della torta.
Questa naked cake l'ho preparata per festeggiare il mio compleanno.

Base:
Pan di Spagna gluten free
Qui per il Pan di Spagna glutinoso

Farcitura:
Crema pasticcera
Crema al cioccolato

Bagna:
Latte e rum

Rifinitura:
Zucchero a velo

Decoro:
Rose di pasta di zucchero

Preparare le basi. Una volta raffreddate tagliarle a strati, bagnarle leggermente e farcirle. Decorare.
Ottima e di bell'aspetto.

Naked cake con glassa a pecchio, fragole e cioccolato


La Naked cake (così come dice il nome) è una "torta nuda" che mette in risalto proprio la base di Pan di Spagna (o altre) e la farcitura che la compone. E' un'alternativa per tutte quelle persone che non amano le coperture troppo elaborate come la Pasta di Zucchero, le varie Glasse a Specchio o altro.
Anche se la preparazione è molto più rapida perché non richiede il tempo che si dedica alla copertura, non vuol dire che sia più semplice anzi, a volte, è esattamente il contrario.
Ci sono delle regole di base per la realizzazione di una buona naked cake.
Bisogna fare attenzione a tagliare gli strati tutti dello stesso spessore. Deve rispettare un'armonia di colore senza fare in modo che la naked diventi un groviglio di colori.
E' importante che siano "alte", non importa la larghezza ma l'altezza si.
Importantissimo poi è il "cake topper". Va posizionato nella parte più alta della torta e serve a rifinire e decorare la vostra naked. Inoltre un topper adatto aumenta l'altezza della torta.
Questa Naked l'ho preparata in occasione del compleanno di mio marito.

Base:
Chiffon cake gluten free
Qui per la Chiffon cake versione glutinosa

Farcitura:
Crema al mascarpone
Pezzi di fragole

Bagna:
Latte e rum

Rifinitura:
Glassa a specchio

Decoro:
Fragole al cioccolato


Preparare la base. Una volta raffreddata tagliarla a strati, bagnarla leggermente e farcirla. Decorare.
Ottima e di bell'aspetto.