Attenzione

Le foto che accompagnano le ricette sono scattate da me e servono ad illustrare passaggi e risultato. Leggere le notizie riportate sul DISCLAIMER nel caso le voleste utilizzare. Grazie!

venerdì 30 gennaio 2015

Pane gluten free


Riuscire a mangiare un buon pane, per il celiaco, è quasi un'impresa. In commercio se ne trova, confezionato, di molte marche. Il sapore e la consistenza, però, lasciano un poco a desiderare. Negli ultimi tempi molti negozi che vendono prodotti gluten free, mettono a disposizione della clientela panificati freschi. Ma, ahimè, il prezzo ti lascia senza parole.
La signora Nadia Pacifici mi invia, gentilmente, la ricetta di un buon pane. Ben lavorato ed alveolato. Di ottima consistenza e lunga durata. Mi precisa di far presente che il metodo di lavorazione è di Un cuore di farina senza glutine.

Ingredienti:
500 gr di farina Nutrifree
400 ml di acqua
15 gr di lievito di birra



Da lavorare nella planetaria.
Sciolgo il lievito nell'acqua e aggiungo la farina. Faccio lavorare a lungo con il gancio ad elica.


Prendere una ciotola capiente e ungerla di olio. Mettere all'interno il composto e lasciare lievitare per circa 1 ora o comunque fino al raddoppio.


Accendo il forno e lo porto a 200°. Prendo la leccarda e la spolvero di farina di mais e ci lascio "scivolare" sopra il composto lievitato.


A questo punto con l'aiuto di un tarocco ben oliato, taglio a metà il panetto.


Ora con le mani, ben oliate anch'esse, cerco di distanziare i due panetti ottenuti.


Aggiustare un poco la forma.


Ungo bene la superficie di olio e spolvero di farina di mais.


Inforno, dapprima nella parte inferiore del forno per 30/35 minuti poi, se "bussando" il panetto, questo suona vuoto, passo sulla gratella posizionata nella parte centrale del forno per altri 10 minuti.
Nel caso il panetto non fosse ancora pronto per essere posizionato sulla gratella farlo cuocere altri 10 minuti sulla leccarda e poi passarlo sul piano superiore.


Far freddare su di una gratella senza coprire.


Ciambella allo yogurt con farina di riso


Questa ciambella allo yogurt è veramente deliziosa e morbidissima. Poiché gli ingredienti sono privi di glutine, può essere consumata anche da chi è celiaco (si raccomanda di controllare che gli ingredienti utilizzati siano idonei). La dose è per una ciambelliera da 24 cm.

Ingredienti:
4 uova
1 vasetto di yogurt da 125 gr (io al cocco)
260 gr di zucchero
180 gr di farina di riso
80 gr di fecola di patate
80 gr di olio di semi (io girasole)
1 bustina di lievito

Separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve ben ferma.
Montare a lungo i tuorli con lo zucchero. Aggiungere il vasetto di yogurt poi l'olio a filo continuando a mescolare. Infine le farine con il lievito miscelati tra loro.




Incorporare in più volte gli albumi con movimenti dal basso verso l'alto, delicatamente cercando di non far smontare il composto.
Posizionare in forno già caldo a 180° per circa 30 minuti.
Anche questa volta io ho usato la mia ciambelliera da gas, va posizionata sul fornello più piccolo a fiamma bassissima. Non aprire mai il coperchio fino a quando, ormai freddo, il dolce si possa togliere. Per testare la cottura usare uno spiedo di bamboo da infilare nei buchi del coperchio.




Ottimo per la colazione o la merenda.





lunedì 19 gennaio 2015

Limoncello



Il limoncello è un liquore dolce ottenuto dalla macerazione delle scorze di limone in alcool puro a 90°, miscelato poi ad uno sciroppo di acqua e zucchero. Una variante golosa del limoncello è l'arancello. Ottimo come aperitivo o fine pasto, rende al meglio se consumato appena tolto dal congelatore.
La ricetta è quella della mia mamma, supercollaudata ormai da molti anni.

Ingredienti:
10 limoni non trattati
1 lt di alcool puro a 90° (reperibile in tutti i supermercati)
1 lt di acqua
1 kg di zucchero

Lavare bene ed asciugare, con l'aiuto di un canovaccio pulito, i limoni.
Con un pelapatate asportare la buccia dei limoni (solo la parte gialla) e mettere in un recipiente capiente di vetro.
Aggiungere il litro di alcool.
Coprire con una pellicola e lasciare macerare per 10 giorni.



Passati questi dieci giorni far bollire il litro di acqua e lo zucchero per un paio di minuti. Lasciare raffreddare e poi unire alla caraffa con l'alcool e le bucce di limone.
Utilizzando delle garze sterili da posizionare all'interno di un passino, filtrare il liquore così ottenuto per liberarlo dalla bucce.


Travasare in più bottigliette per un più semplice consumo.

Arancello



Tutti conosciamo il famoso "limoncello". Un liquore dal piacevole aroma e dal gusto forte. Ottimo fine pasto.
Ma se in giardino oltre agli alberi di limone ce ne sono anche tanti di arancio, possiamo utilizzarne i frutti per fare un liquore a base di arancio, l'arancello, appunto.
La ricetta è quella della mia mamma. Supercollaudata ormai da anni.

Ingredienti:
10 arance non trattate
1 lt di alcool puro a 90° (reperibile in tutti i supermercati)
1 lt di acqua
1 kg di zucchero

Lavare bene ed asciugare, con l'aiuto di un canovaccio pulito, gli aranci. Con un pelapatate asportare la buccia degli aranci (solo la parte arancio) e mettere in un capiente recipiente di vetro
Aggiungere il litro di alcool.
Coprire con della pellicola e lasciare macerare per 10 giorni.


Passati questi dieci giorni far bollire il litro di acqua e lo zucchero per un paio di minuti. Lasciare raffreddare e poi unire alla caraffa con l'alcool e le bucce di arancio.
Utilizzando delle garze sterili da posizionare all'interno di un passino, filtrare il liquore così ottenuto per liberarlo dalle bucce.


Travasare in più bottigliette per un più semplice consumo. Si consiglia di berlo ben freddo, possibilmente conservato nel congelatore.

Struffoli senza glutine



A volte gli errori sono positivi. Trovo una ricetta in internet per fare le frappe. Tendo sempre a personalizzare e talvolta combino dei veri e propri guai. Inizio ad impastare e metto un poco più di questo e un poco meno di quello e viene fuori un bel panetto compatto e liscio. Cerco di passare un poco di impasto nella macchinetta per spianare la pasta e... ORRORE!!! Non c'è verso di lavorarla. E ora che faccio? Semplice, la consistenza è giusta per fare qualcos'altro. E così decido di provare a fare gli struffoli. Risultato? Ottimi, per nulla imbevuti dell'olio di cottura e della giusta consistenza.

Ingredienti:

300 g mix pizza Nutrifree
3 uova
50 g di burro
50 g di zucchero
3 cucchiai di limoncello
sale 1 pizzico
1 pizzico di bicarbonato
Olio per friggere
Miele per decorare
Codette  e frutta candita consentita



Metto la farina a fontana sulla spianatoia e inserisco all'interno tutti gli ingredienti. Lavoro prima con l'aiuto di una forchetta e poi con le mani fino ad ottenete un panetto morbido. Preparo dei cilindretti del diametro di circa un centimetro e metto da parte. Prendere tre quattro cilindretti e accostarli tra loro. Tagliare, con l'aiuto di un coltello, degli gnocchetti.



Friggere in abbondante olio bollente.



Quando saranno dorati, scolare e far asciugare l'olio in eccesso su di uno scottex.


Trasferirli all'interno di una pentola e aggiungere qualche cucchiaiata di miele. Accendere il gas e far amalgamare bene il miele e gli gnocchetti.


Posizionare nel piatto da portata e decorare con confettini colorati.